La Mostarda Mantovana, regina della nostra tavola

Diversa rispetto alle sorelle vicentina e cremonese, ingrediente immancabile dei tortelli di zucca (ma anche ottimo accompagnamento) la mostarda alla Mantovana è un prodotto che non può mancare nelle tavole natalizie dei mantovani

 


Le origini
La storia della mostarda mantovana risale al XIV secolo. Questo straordinario prodotto veniva infatti già preparato alla corte dei Gonzaga, i signori del Ducato di Mantova. Era dunque considerata un prodotto di lusso.
All’epoca venivano utilizzati semi di senape pestati in mortaio ma non tutti sanno che il nome deriva dall’espressione latina mustum ardens, ossia “mosto piccante” perché era mosto di vino era un ingrediente impiegato nella preparazione.
Solo a cominciare dal 1600 divenne una pietanza di uso anche popolare grazie alla maggiore disponibilità di zucchero e senape. Comincia da lì la sua “vera” storia e il suo consumo soprattutto nel periodo delle festività natalizie.

Da diverso tempo il profumo intenso e pungente e il sapore aspro e irritante è dato unicamente dalla senape, unita a una base di mele e zucchero.

Impieghi
La mostarda mantovana viene utilizzata in molti secondo piatti ed è un ingrediente fondamentale nella preparazione dei famosissimi tortelli di zucca, piatto tradizionale di Mantova e dintorni. Ma viene anche gustata in accompagnamento a formaggi e latticini, come ricotta, robiola, mascarpone, gorgonzola.

La Mostarda Mantovana dell’azienda Boschetti
Nel nostro assortimento abbiamo la mostarda mantovana dell’azienda Boschetti, una tra le più importanti aziende nella produzione di mostarde, ma anche di confetture, salse, miele, creme di frutta, prodotti biologici nata oltre un secolo fa. Per la produzione utilizzano solo frutta frescasenza alcuna aggiunta di conservanti: i prodotti risultano buoni, oltre che sani.

La loro mostarda mantovana viene preparata con mele Granny Smith selezionate e tagliate a fettine, candite e aggiunte ad uno sciroppo senapato. E’ un prodotto con piccoli pezzi di frutta, che si differenzia infatti sia da quella cremonese – fatta con frutta intera – che da quella vicentina – fatta con pezzi di frutta finemente tritati.
Vuoi provarla? Scrivi a info@tondinisrl.it, ti risponderemo al più presto!

 

www.boschetti1891.it

CHIUDI
CLOSE